Magneti Ma2

Magneti Ma2

Conf. con due magneti da 25 mm di diametro.

Altri dettagli

Prezzo scontato!
39,00 €

45,00 €

2 Articoli in magazzino

  • È stato appurato che una cellula "sana" è dotata di una membrana cellulare con una carica elettromagnetica pari a 0,8 microvolt. Se per qualche ragione si dovesse verificare una perdita di elettroni si avrà una diminuzione di tale valore e in mancanza di un qualche intervento esterno la carica diminuirà progressivamente fino al decesso della cellula stessa (al di sotto dei 0,2 microvolt). È a causa di questo meccanismo che a volte l'organismo s'indebolisce fino ad ammalarsi.
  • Un possibile rimedio sarà quello di bloccare e bilanciare la perdita di elettroni applicando, ad esempio, l'energia magnetica negativa di un magnete permanente.
  • Un magnete genera un campo magnetico statico con la polarità negativa (nord) da un lato e positiva (sud) dall'altro. Le polarità dello stesso segno si respingono e quelle di segno opposto si attraggono. Tutte le cellule del nostro corpo sono composte da elementi con cariche negative (-) e positive (+).
  • Negli stessi vasi sanguigni poi, scorre un "liquido" anch'esso composto da elementi caricati positivamente e negativamente, disposti però disordinatamente quando la zona è "malata" o traumatizzata.
  • Applicando in questo caso il polo negativo (NORTH POLE ®) a contatto con la parte "malata" esso determinerà (attraendo le cariche positive e respingendo quelle negative), un riordino della polarizzazione degli elementi contenuti nei vasi sanguigni.
  • Tale regolarizzazione delle cariche produce tutta una serie di benefici, per primo quello di migliorare la circolazione sanguigna che a sua volta produce:
  • un miglior drenaggio delle tossine o altre concentrazioni

  • un rinnovato afflusso di sangue più ricco di ossigeno e caldo che a sua volta, aumentando la temperatura locale (+3 °) produce:

  • una vasodilatazione che "fluidifica" un'eventuale contrattura favorendo:

  • una riduzione di edemi, gonfiori, ecc.


  • la produzione di sostanze antidolorifiche (endorfine)
  • la stimolazione del metabolismo cellulare che favorisce la for­mazione delle particelle proteiche (aminoacidi) preposte all'emissione elettromagnetica (bilanciamento energetico delle cellule)
  • stimolazione del sistema immunitario.
  • Inoltre, l'applicazione dei magneti per quei traumi che possono aver provocato la rottura di parte delle fibre di sostegno come il derma, le articolazioni, i tendini e le ossa, stimola (attivandole), le cellule matri­ci fibroblasti (presenti nel sangue) che producono collagene ed elastina, cioè le fibre che compongono il derma, le articolazioni, i tendini e le ossa, quindi gli elementi di riparazione di quei tessuti (nelle fratture accelera la formazione del callo osseo). Allo stesso modo, per i muscoli vengono attivate le mioblasti, cioè le cellule che producono fibre muscolari. Concludendo, ripristinando mediante l'applicazione del polo negativo del magnete l'originario equilibrio elettromagnetico cellulare (cellula "sana") e disponendo dei benèfici effetti sopra descritti, avremo effettuato la rigenerazione delle cellule danneggiate, quindi il recupero della piena funzionalità.
  • Carrello  

    (vuoto)

    Nuovi Prodotti

    Al momento non ci sono nuovi prodotti